First Chop Gluten Free Beer

Gluten Free + Crossgrain Symbol + First Chop = Peace of Mind

First Chop is a Coeliac owned and run brewery

Here at First Chop we take Gluten Free Beer very seriously. That’s why we believe we go further than any other brewery with our Gluten Free auditing and testing regime. Even going beyond what is required by the AOECS to obtain a license to use the Cross Grain symbol.

We also take Beer very seriously in general and see no reason why Great Beer should not also be Gluten Free Beer. In fact we believe the two go hand in hand. We make Great Gluten Free Beer!

It is important to point out that our beer is made from ingredients that DO contain gluten. We believe this produces the best tasting beer. We then use a combination of the traditional brewing process and an added enzyme to remove gluten from our beer. We employ a meticulous auditing and testing procedure to ensure our product can be tested to show less than 5ppm gluten.

We tried beers produced using pseudo grains (non gluten containing grain) and feel they do not really come up to scratch. We prefer to make our beer in the traditional manner and to remove the gluten. After all, the removal of proteins is actually the backbone of traditional brewing - At almost every stage of traditional brewing the aim is to remove proteins (of which gluten is one). We believe that in removing proteins from our beer to the point where we can test to show less than 5ppm gluten we not only produce a gluten free beer but an exceptionally well made beer too.

We test every batch of our Gluten Free Beer - not just once but twice. Each of our recipes also undergoes an annual review and test at an independent UKAS accredited laboratory.

Our entire brewery is dedicated to gluten free production. We think it is important for the integrity of our processes that everything we produce is Gluten Free.

There has been much controversy concerning beer that is brewed with barley, but claims to remove the gluten in the brewing process.

This is why we choose to use both a R5 Competitive ELISA test AND a test using the G12 antibody. We want to do everything in our means to detect gluten in our beer. If you would like to know more about this choice please continue and read…… The science bit!!

In Europe the R5 test is accepted by legislators who allow a gluten-free claim on the product if gluten is tested to show gluten content below 20ppm.

A 2013 study, reported by the Beyond Coeliac organisation, looked at the commercially most relevant cereal-based foods that had undergone fermentation during processing (thus, it obviously, studied beer) and found that the R5 Competitive ELISA assay was able to reproducibly quantify gluten in the beer tested.

Another recent study (Moreno et al., 2016) has shown that the most immunogenic peptides (responsible of 80-95% of immunoreactivity of celiac T cells) reacted to G12. The correlation between G12 reactivity and T cell immunogenicity has been largely studied in several difficult-to-analyse foodstuffs, such as pure oat varieties or barley varieties (Comino et al., 2011, Comino et al., 2012).

In hydrolyzed materials such as beers, the relative proportion of reactive peptides for celiac patients may differ, because of the diversity of the resulting peptide populations after fermentation. In a publication a few years ago (Comino et al., 2012), a wide variety of beers were analyzed with two different methods based on the G12 antibody (Competitive ELISA and lateral flow immunoassay) with similar results.

A beer legally labeled as gluten free (undetectable level of gluten by Competitive ELISA R5) was shown (in a 2014 test conducted by Real et al) to contain gluten peptides determined by ELISA G12 and by Mass spectrometry, which identified immunotoxic peptides for celiac patients. This was shown by exposing cells of the immune system of celiac patients to these peptides and measuring their response.

A more recent study (Picariello et al., 2015) analysed samples of WeissbIer (wheat beer) and detected immunotoxic epitopes with G12. They analyzed these beers with sera of celiac patients as a source of antigliadin antibody, confirming that the wheat beer contained peptides with reactivity with sera from celiac patients.

The G12 antibody was raised against the highly immunotoxic 33-mer peptide of the α- gliadin protein that induces celiac disease (Morón et al., 2008). More specifically, the region of recognition within the 33-mer is the hexameric epitope QPQLPY. This recognition sequence is repeated three times within the gliadin 33-mer peptide.

The G12 antibody recognises immunotoxic prolamins from wheat, barley, rye and also from some varieties of oat (Morón et al., 2008). The G12 antibody is also capable of reacting to other epitopes that are found in other toxic prolamins as QPQLPF, QPQLPL, QPQQPY, QPQQPF (Moron et al. 2008; and Real et al. 2014).

Oats are often subject to cross-contamination (in the field and/or during the manufacturing process). However, even if the oat has been grown and processed carefully, this does not mean that it is always considered as a gluten free food.

A study from the year 2011 (Comino et al., 2011) showed that not all oats are equal in gluten immunogenic peptide content.  All varieties of oats contain avenin, but each one with a different sequence and structure, and only some of these varieties could be a risk for celiac patients. The gluten from the oat varieties were exposed to cells from celiac patients, and the cells responded appropriately: they only reacted to the potential immunotoxic oat varieties. Therefore, the G12 antibody is the best choice for any company that works with gluten-free oats. Other studies (Real et al., 2012; Comino et al,.2016, Silano et al., 2013) have further characterised the differences of these oats and their immunogenicity.

 

Sans gluten

Nos bières Ales sont produites à base d’ingrédients contenant du gluten. Durant le procédé traditionnel du brassage, néanmoins, la majorité du gluten dans ces ingrédients sont décomposés et retirés durant le procédé naturel de clarification. Les brasseurs détestent autant le gluten que les personnes ayant une intolérance ou une allergie; c’est pouquoi, nous faisons tout notre possible pour le retirer tout au long du processus de brassage.

Nos bières sont brassées dans la pure tradition artisanale. Nous prêtons ensuite très attention au processus de clarifictaion pour retirer toute dernière trace de gluten. Les lots sont téstés individuellement pourcontenir moins de 5ppm de gluten.

First Chop Ale est avant tout une petite production de bière artisanale de qualité. Nous n’enlevons que le gluten, rien de plus!

 

 

Senza glutine

First Chop Birra senza glutine

Senza Glutine + Simbolo grano barrato + First Chop = Tranquillità

First Chop è un birrificio di proprietà e gestito da celiaci

 

Qui a First Chop prendiamo molto sul serio la birra senza glutine. Ecco perché crediamo di andare oltre qualsiasi altro birrificio con il nostro regime di verifica e test senza glutine. Anche andando oltre quanto richiesto dall'AOECS per ottenere una licenza d'uso del simbolo Cross Grain.

Inoltre, prendiamo molto sul serio la birra in generale e non vediamo alcun motivo per cui la “Great Beer” non debba essere anche Birra senza glutine. In effetti, crediamo che le due cose vadano di pari passo. Facciamo un’ottima “Great Gluten Free Beer”!

È importante sottolineare che la nostra birra è composta da ingredienti che contengono glutine. Crediamo che questo produca il miglior gusto della birra; per questo motivo usiamo una combinazione del tradizionale processo di fermentazione e un enzima aggiunto per rimuovere il glutine dalla nostra birra. Utilizziamo una meticolosa procedura di verifica e test per garantire che il nostro prodotto possa essere testato per mostrare meno di 5 ppm di glutine.

Abbiamo provato a produrre birre utilizzando pseudo grani (cereali non contenenti glutine) e pensiamo che non siano davvero all'altezza. Preferiamo fare la nostra birra in modo tradizionale rimuovendone il glutine. Dopotutto, la rimozione delle proteine??è in realtà la spina dorsale della birra tradizionale - In quasi ogni fase della birra tradizionale l'obiettivo è rimuovere le proteine ??(di cui il glutine è uno). Crediamo che rimuovendo le proteine ??dalla nostra birra al punto in cui possiamo testare per mostrare meno di 5 ppm di glutine non produciamo solo una birra senza glutine, ma anche una birra eccezionalmente ben fatta.

Testiamo ogni lotto della nostra birra senza glutine, non solo una ma ben due volte. Ciascuna delle nostre ricette viene inoltre sottoposta a revisione e test annuali presso un laboratorio indipendente accreditato UKAS.

Tutto il nostro birrificio è dedicato alla produzione senza glutine. Riteniamo importante per l'integrità dei nostri processi che tutto ciò che produciamo sia senza glutine.

Ci sono state molte polemiche riguardo alla birra prodotta con l'orzo e riguardo a chi afferma di rimuovere il glutine nel processo di fermentazione.

Questo è il motivo per cui scegliamo di utilizzare sia un test R5 Competitive ELISA che un test che utilizza l'anticorpo G12. Vogliamo fare tutto il possibile per rilevare il glutine nella nostra birra. Se vuoi saperne di più su questa scelta continua a leggere alcune pillole di scienza riguardo all’argomento.

In Europa il test R5 è accettato dai legislatori che consentono una dichiarazione senza glutine sul prodotto se il glutine viene testato per mostrare un contenuto di glutine inferiore a 20 ppm.

Uno studio del 2013, riportato dall'organizzazione Beyond Celiac, ha esaminato gli alimenti a base di cereali commercialmente più rilevanti che avevano subito la fermentazione durante la lavorazione (quindi, ovviamente, ha studiato la birra) e ha scoperto che il test R5 Competitive ELISA era in grado di quantificare in modo riproducibile il glutine nella birra testata.

Un altro studio recente (Moreno et al., 2016) ha dimostrato che i peptidi più immunogenici (responsabili dell'80-95% dell'immunoreattività dei linfociti T celiaci) hanno reagito a G12. La correlazione tra la reattività G12 e l'immunogenicità dei linfociti T è stata ampiamente studiata in diversi alimenti difficili da analizzare, come le varietà di avena pura o le varietà di orzo (Comino et al., 2011, Comino et al., 2012).

Nei materiali idrolizzati come le birre, la proporzione relativa di peptidi reattivi per i pazienti celiaci può differire, a causa della diversità delle popolazioni di peptidi risultanti dopo la fermentazione. In una pubblicazione di alcuni anni fa (Comino et al., 2012), un'ampia varietà di birre è stata analizzata con due diversi metodi basati sull'anticorpo G12 (Competitive ELISA e test immunologico a flusso laterale) con risultati simili.

Una birra legalmente etichettata come priva di glutine (livello di glutine non rilevabile da R5 Competitive ELISA) è stato dimostrato (in un test del 2014 condotto da Real et al) contenere peptidi di glutine determinati da ELISA G12 e dalla spettrometria di massa, che ha identificato peptidi immunotossici per pazienti celiaci. Ciò è stato dimostrato esponendo le cellule del sistema immunitario dei pazienti celiaci a questi peptidi e misurando la loro risposta.
Uno studio più recente (Picariello et al., 2015) ha analizzato campioni di WeissbIer (birra di frumento) e ha rilevato epitopi immunotossici con G12. Hanno analizzato queste birre con sieri di pazienti celiaci come fonte di anticorpi antigliadina, confermando che la birra di frumento conteneva peptidi con reattività con i sieri di pazienti celiaci.

L'anticorpo G12 è stato prodotto contro il peptide 33-mer altamente immunotossico della proteina α-gliadina che induce la celiachia (Morón et al., 2008). Più specificamente, la regione di riconoscimento all'interno del 33-mer è l'epitopo esamericano QPQLPY. Questa sequenza di riconoscimento viene ripetuta tre volte all'interno del peptide della gliadina 33-mer.

L'anticorpo G12 riconosce le prolamine immunotossiche da grano, orzo, segale e anche da alcune varietà di avena (Morón et al., 2008). L'anticorpo G12 è anche in grado di reagire ad altri epitopi che si trovano in altre prolamine tossiche come QPQLPF, QPQLPL, QPQQPY, QPQQPF (Moron et al.2008; e Real et al.2014).

L'avena è spesso soggetta a contaminazione incrociata (sul campo e/o durante il processo di produzione). Tuttavia, anche se l'avena è stata coltivata e lavorata con cura, ciò non significa che sia sempre considerata un alimento senza glutine.

Uno studio dell'anno 2011 (Comino et al., 2011) ha mostrato che non tutta l'avena è uguale nel contenuto di peptidi immunogenici del glutine. Tutte le varietà di avena contengono avenina, ma ognuna con una sequenza e una struttura diversa, e solo alcune di queste varietà potrebbero rappresentare un rischio per i pazienti celiaci. Il glutine delle varietà di avena è stato esposto a cellule di pazienti celiaci e le cellule hanno risposto in modo appropriato: hanno reagito solo alle potenziali varietà di avena immunotossiche. Pertanto, l'anticorpo G12 è la scelta migliore per qualsiasi azienda che lavora con avena senza glutine. Altri studi (Real et al., 2012; Comino et al, .2016, Silano et al., 2013) hanno ulteriormente caratterizzato le differenze di questa avena e la loro immunogenicità.